Agli iscritti Fimmg Continuità Assistenziale


Contributi previdenziali su base volontaria (aliquota modulare), scadenza 31 gennaio

Il 31 gennaio p.v. scade il termine annuale per richiedere alla propria Asl/Asp la modifica o, se non lo si è fatto nell'anno precedente, l'attivazione dell’aliquota modulare, quota contributiva previdenziale a proprio carico, variabile dall'1% al 5%, che consente di poter aumentare la propria pensione.

L’istituto è stato introdotto con il rinnovo dell'Accordo Collettivo Nazionale della Medicina Generale del 29 luglio 2009.

La misura implica il versamento volontario di una quota contributiva aggiuntiva che consentirà di percepire una quota di pensione ulteriore.

La possibilità riguarda i medici appartenenti alle categorie professionali dell’assistenza primaria, della continuità assistenziale, dell’emergenza sanitaria territoriale, nonché i pediatri di libera scelta ed, a breve, sarà estesa anche agli specialisti esterni.

Sarà compito della Azienda, recepita la richiesta del Medico, versare all'ENPAM la quota contributiva aggiuntiva nella percentuale che il medico stesso ha scelto.

La richiesta della contribuzione aggiuntiva o la variazione della percentuale scelta può essere effettuata solo una volta l’anno entro il 31 gennaio.

La richiesta deve essere inviata a tutte le Aziende, se diverse, con le quali il medico ha in atto un rapporto convenzionale.

In assenza di comunicazioni di variazioni, da effettuarsi entro il 31 gennaio, l’aliquota resta confermata anche per gli anni successivi.

Si ribadisce, quindi, che chi ha già presentato istanza negli anni precedenti e non vuole variare la percentuale non deve presentare alcuna domanda.

Tutte le comunicazioni inviate alle Aziende Sanitarie di competenza è consigliabile inviarle in copia alla Fondazione E.N.P.A.M.:

a mezzo fax: 06.48294922
per posta (RACCOMANDATA A/R):
Fondazione E.N.P.A.M.
Dipartimento della Previdenza
Servizio Contributi e Attività Ispettiva
Ufficio Riscossione Fondi Speciali
Piazza Vittorio Emanuele II, 78
00185 Roma
allegando la ricevuta della Raccomandata di invio alla Azienda o, se consegnata a mano, il numero di protocollo di registrazione.

I versamenti facoltativi alle gestioni pensionistiche obbligatorie sono INTEGRALMENTE deducibili dal reddito imponibile e non vi è alcun divieto di cumulo, per la deducibilità fiscale, tra questi versamenti ed i contributi versati alle forme previdenziali complementari.

Considerando che la trattenuta relativa all’ENPAM, per i medici di Continuità assistenziale, viene effettuata sul lordo del ‘’lavorato’’ è facile intuire che buona parte delle somme destinate al contributo volontario vengono sottratte alla tassazione con i consequenziali benefici che il meccanismo comporta.

Al link seguente è disponibile il modello predisposto dall'E.N.P.A.M. per la richiesta alle Aziende Sanitarie.

Scarica il modello predisposto dall'E.N.P.A.M.

 

Stefano Leonardi
Vice Segretario Nazionale Vicario FIMMG C.A
Rappresentante Nazionale della C.A. ed E.S.T. nella Consulta della Gestione Previdenziale a favore dei M.M.G.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione